Robot Lavavetri

Quando si tratta di pulire un vetro, non sono poche le difficoltà che puoi incontrare, soprattutto nel caso tu debba pulire la superficie esterna. Risulta essere proprio per questo motivo che, negli ultimi tempi, sul mercato si è diffusa una tipologia di elettrodomestici davvero utile sotto questo punto di vista. Parliamo dei robot lavavetri, strumenti che potrai utilizzare per pulire in automatico i tuoi vetri semplicemente applicandoli sulla superficie.

I robot lavavetri sono anche molto compatti e silenziosi, facili da utilizzare e soprattutto pratici, basta metterli sul vetro, e saranno loro a fare avanti e indietro esaminandone la superficie e lasciandoti libero di svolgere le altre faccende domestiche.

Come utilizzare i robot lavavetri

Come prima cosa, è importante sapere che questi robot sono pensati per pulire vetri con uno spessore di minimo 5 millimetri, sia singoli che doppi, e lo stesso discorso vale per i telai. Inoltre, sempre meglio evitare di utilizzarli per finestre eccessivamente grandi, da questo punto di vista, il consiglio è di usare un robot lavavetri solo su superfici in vetro di massimo 60 centimetri in altezza e 45 centimetri in larghezza. Infine, è bene che tu sappia che, nonostante alcuni di questi elettrodomestici siano particolarmente avanzati, il loro utilizzo è previsto più per la rimozione della polvere e della sporcizia che per le macchie, in caso di depositi dovuti ad esempio al grasso nelle cucine, questi robot non si rivelano particolarmente efficaci.

Ma non è tutto, i robot lavavetri non sono per nulla adatti alla pulizia di superfici smerigliate, lavorate o decorate. Il motivo è dovuto al fatto che questi elettrodomestici necessitano di una superficie piana per muoversi e per lavorare in totale autonomia, la presenza di lavorazioni o di inclinazioni, dunque, potrebbe bloccarli e metterli in grandissima difficoltà. Risulta essere anche il caso di evitare di utilizzarli su vetri ricoperti di vapore e di condensa, perché potrebbero scivolare.

Come scegliere un robot lavavetri

Fatte queste doverose precisazioni, adesso è il caso di approfondire l’argomento e veere come scegliere il robot lavavetri.

Come prima cosa, in base alla tipologia e al prezzo, alcuni robot funzionano solo per il lavaggio dei vetri, mentre altri possono anche pulire superfici come il marmo o il piastrellato. Come risulta essere ovvio che sia, nel secondo caso i prezzi salgono, ed in realtà non è neanche possibile parlare di robot lavavetri, ma piuttosto di robot multi funzione. Di conseguenza, ci concentreremo esclusivamente sulla prima tipologia di robot, ovvero quelli realizzati specificatamente per lavare i vetri.

Il primo aspetto che dovrai considerare, quando deciderai di capire come scegliere il robot lavavetri, è la modalità di pulizia dell’elettrodomestico. Da questo punto di vista, infatti, ti farà comodo sapere come funziona questo strumento. In pratica, il robot agisce sulla superficie in tre fasi, inizialmente effettua un lavaggio frontale a umido, per sciogliere lo sporco e per eliminare la polvere. Fatto questo, il robot lavavetri attiva la modalità di detersione con un tergi vetro in gomma, in questo modo, l’elettrodomestico rimuove polvere e detriti sfruttando la patina umida precedentemente creata. Infine, il robot lavavetri passa alla fase di asciugatura a secco, completando la sua opera.

Per quanto concerne le modalità di utilizzo, i robot lavavetri funzionano in modalità automatica o in modalità manuale, i prodotti migliori, che poi sono quelli maggiormente consigliati, ti permettono di sfruttare entrambe le modalità a seconda delle tue esigenze. Sulla modalità manuale c’è davvero poco da aggiungere, sarai tu a comandare il robot, dunque ad indirizzarlo verso le zone del vetro che intendi pulire.

La modalità più interessante è ovviamente quella automatica. Una volta che avrai collocato il robot sulla superficie del vetro, il dispositivo aderirà ad essa e comincerà a percorrere un moto irregolare effettuando da solo le tre fasi di lavaggio e asciugatura. I primi movimenti gli permetteranno di studiare la superficie del vetro da pulire, e in base ai dati raccolti attraverso i suoi sensori stabilirà lui come procedere, anche basandosi sulle dimensioni della superficie. Infine, da sottolineare che un robot lavavetri dovrebbe essere sempre dotato di protezioni laterali in gomma, per attutire i colpi che riceverà quando raggiungerà il telaio della finestra che sta pulendo.

Il discorso sulla modalità di pulizia automatica va comunque approfondito. Quando compri un robot lavavetri, vorrai sicuramente sfruttare le sue potenzialità anche per pulire l’esterno dei vetri delle finestre, sappi che è il caso di farlo solo se avrai acquistato un robot lavavetri di qualità, e solo pulendo finestre che non siano collocate troppo in alto.

Se da un punto di vista tecnico non cambia nulla tra vetri interni ed esterni, da un punto di vista contestuale le cose potrebbero invece variare, come in presenza di forte vento, pe esempio, che potrebbe fare cadere il robot lavavetri in strada o in giardino e causare molti danni. Noi consigliamo, dunque, di acquistare sempre e comunque un prodotto di qualità, così da potere contare non solo su sensori ottimali per studiare le superfici del vetro e la distanza dal telaio, ma anche per avere la certezza di una tecnologia di adesione al vetro sicura e priva di rischi.

Il robot lavavetri può stopparsi in due circostanze, quando avrà terminato il suo ciclo di lavaggio, o quando incontrerà dei problemi e sarà impossibilitato a proseguire. Questo è, pe esempio, il caso dei vetri con superficie smerigliata o lavorata, ogni volta che il robot noterà un avvallamento, si fermerà in attesa di vostri ordini. Inoltre, il robot potrebbe fermarsi anche a causa di un guasto tecnico, solitamente, questi apparecchi sono dotati di spie luminose e in grado di emettere segnali acustici per richiamare la tua attenzione, quando accade qualcosa che ne impedisce il corretto funzionamento.

La sicurezza è un fattore davvero importante quando scegli di acquistare un robot lavavetri, ed il motivo è molto semplice, acqua e corrente elettrica possono creare problemi. Da questo punto di vista, i robot lavavetri sono elettrodomestici sicuri, a patto che tu scelga un prodotto di qualità. Inoltre, in ogni caso, è sempre buona norma utilizzarli con attenzione e portarli in assistenza nel caso dovessero fermarsi spesso e senza motivo.

In questo senso, un ottimo sistema per metterti al riparo da spiacevoli inconvenienti è analizzare subito il robot lavavetri quando lo estrai dalla confezione, trattandosi di un prodotto molto delicato, dovrai assicurarti che non abbia subito danni durante il trasporto o la spedizione. Nel caso dovessi notare qualche imperfezione o qualche segno sulla plastica, noi ti consigliamo di rivolgerti all’assistenza e di attendere la sostituzione dell’oggetto. Infine, in caso di dispositivo danneggiato, evita sempre di avviarlo.

Occorre poi fare un’ulteriore precisazione: il robot lavavetri, nonostante sia in grado di effettuare da solo la pulizia, va comunque controllato a cadenza regolare. Questo significa che non è mai una mossa saggia lasciarlo in funzione e uscire di casa, prima di averlo spento e conservato, un consiglio che in realtà è sempre il caso di seguire per tutte le tipologie di elettrodomestici. Per quanto concerne il funzionamento, un robot lavavetri di solito funziona a batteria e necessita di essere caricato tra un ciclo di lavaggio e l’altro, la presenza o la durata della batteria di alimentazione dipendono comunque dalla marca del produttore e dalla fascia di prezzo del prodotto.

Vediamo come conservare il robot lavavetri. Anche in questo caso, valgono le stesse regole che riguardano gli elettrodomestici, mai conservarlo vicino ad una fonte di calore o intorno a materiale infiammabile, e mai tenerlo esposto ai raggi del sole, tranne, ovviamente, nel caso in cui lo stiate utilizzando per pulire i vetri. Da questo punto di vista, dunque, il consiglio è di conservarlo in una zona fresca della casa. Sempre per quanto concerne la sicurezza, nel caso in cui vogliate pulirlo fate sempre attenzione e ricordatevi di staccare l’alimentazione dalla presa di corrente, nel caso sia presente o in fase di ricarica.